Occupa e Resisti!

La mattina di domenica 13/12/09, intorno alle ore nove, è comparso uno striscione con su scritto Occupa e Resisti, lungo 45 metri, sulla cupola della chiesa di San Nicola in solidarietà agli spazi occupati sotto sgombero. I compagni, scesi dall’impalcatura, hanno trovato ad aspettarli poliziotti e digos,prontamente sono stati identificati e rilasciati poco dopo sul posto.

Di seguito il comunicato diffuso :


Un invito per chi c’è, una proposta per chi vuole esserci, un progetto per chi ci sarà…

Scopo principale è riaffermare il valore delle occupazioni. Che sono non solo centri di aggregazione e socialità, laboratori e servizi, ma luoghi dove s’impara ad esercitare il pensiero critico, luoghi di confronto liberi da ammorbanti presenze istituzionali, spazi dove il conflitto contro l’intero sistema vigente prende corpo e creatività.

Lontani da compromessi, tesi ad annullare la carica rivoluzionaria insita nell’autogestione, che in quanto tale non chiede e cerca legittimazioni, ma che si afferma nella realizzazione senza deleghe dei propri desideri, alla riconquista del timone della propria vita.

Lontani da concertazioni che vogliono pacificare e ridurre nell’alveo dell’innocuità, non resta altro che rispondere con l’azione tesa a salvaguardare la diversità. Non c’interessano quindi ne riconoscimenti, ne finanziamenti per le nostre attività, come ad alcuni sedicenti “nazional-rivoluzionari”, crediamo che uno spazio occupato nell’odierno sistema, sia uno spazio liberato nel mondo che ci accingiamo a costruire, utilizzando pratiche e valori diversi da quelli vigenti in ogni ambito. Le comunità giovanili e cose simili, parchi giochi per allevare una nuova generazione di servi dei partiti, sono una provocazione e un invito alla sottoscrizione entro una “mostruosa” legalità.

È in nome della legalità che chi valica un confine finisce in un campo di concentramento.

È con la scusa della legalità che si muore in carcere come Stefano Cucchi.

È grazie alla legalità che sorgono impianti nocivi e inquinanti sotto casa.

E, benedetti dalla legalità, avvengono guerre e massacri.

LEGALITA’ NON E’ GIUSTIZIA, ma una comoda copertura con cui la nostra classe dirigente perpetua il suo potere, mentre ci tiene sottomessi e dipendenti dal suo volere.

Lo stato non regala niente ai suoi detrattori se non repressione e galera, sta a noi prenderci gli spazi che ci spettano.

Solidarietà al Velena squat (TO), all’Assillo Occupato (TN), al CPO Experia (CT), al Ca’ Neira (TO), all’Ostile (TO).

This entry was posted in CRONACHE DI CATA(to)NIA (e dintorni). Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *